The Lords of Altamont @ flog 20100422

Difficile raccontare con parole o immagini il rock’n’roll. Soprattutto se è Rock’n’Roll con le R maiuscole. Puoi provare a descrivere cosa è successo, “raccontare” la musica, ma non puoi raccontare l’energia che c’era. I Lords of Altamont, alla flog, sono riusciti a fare un concerto “devastante”. Hanno suonato bene? Hanno suonato male? Non lo so. Ma hanno suonato un Rock’n’Roll come non se ne vede tanto spesso. Una musica che si ascolta, si vede e si tocca. Motociclisti. Abiti neri. Tatuaggi. Rockers senza compromessi, hanno saputo coinvolgere i presenti per tutta la durata del concerto, la cui fine non è stata assolutamente scontata: tastiera devastata. Batteria tirata giù dal palco. Veri animali da palcoscenico. Una gioia per occhi, orecchie e cuore.

by Stefano “18k” Di Prima  stefano@s18k.it

Sono sempre stato passionale, nel senso più ampio del “fare con passione” tutto quello in cui mi cimento, e tanti sono stati i miei “cimenti”, ma su tutti ce ne sono due che emergono: la passione per il rock’n’roll e l’amore per la fotografia. Il primo è nato con il punk, quando avevo 13 anni. Il secondo è nato tardi, molto tardi: solo 4 anni fa. Ma entrambi sono diventati parte di me, si sono fusi con il mio dna, e quello che faccio, quello che dico e quello che penso sono una conseguenza di questi due grandi amori. Ecco, non c’è molto altro da dire. Concorsi, mostre, pubblicazioni sono solo “accessori” che non descrivono chi sono, cosa penso e cosa voglio raccontare. Io sono quello che tu pensi che io sia quando “leggi” le mie foto.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile