SUD. SENSUALITA’ RITMO E MOVIMENTO

Quando penso al sud non posso fare a meno di visualizzare uditivamente e iconograficamente il ritmo il suono e l’ immagine di un tamburello. Al suono di un tamburello è difficile restare indifferenti .Le vibrazioni che si formano è come se uscissero dalla terra, i piedi ne sono testimoni, non posso restare fermi…in fondo i piedi sono il meridione del corpo.

Ringrazio Astrid per avermi “prestato i piedi” con una pazienza infinita e Dario con il suo tamburello .

 

Autore STEFANIA CENCI  stefaniacenci@alice.it

In regalo per il mio diciottesimo riuscii ad ottenere La Macchina Fotografia al posto di un collier d’oro!! Prima di approdare al digitale, con la mia “cosina”, ho fatto un percorso soprattutto in bianco e nero; ricordo ancora l’emozione di “aprire” il rotolino in camera oscura e di tutte le procedure antecedenti la realizzazione della foto. La fotografia ha a che fare, per me, con la “bellezza” con il senso di adeguatezza, che si ha con il portare presenza mentale allo “sguardo” di ciò che si vede da dentro a fuori e viceversa.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile