Sources of Vision – Valerio Zanotti

1

a cura di Diego Cicionesi

Quale romanzo, opera letteraria, cinematografica o musicale hanno inciso profondamente sulla tua identità, pensiero e visione del Mondo?

Tutto incomincia con un laboratorio di Veronica Bronzetti e Lucia Accardo, avente come obiettivo la creazione di un portfolio di immagini che dovevano nascere da una riflessione e da un lavoro sul testo letterario. Mi stuzzicava l’idea di questo intreccio fra immagini, parole e la mia emotività. L’obbiettivo primario era di mettermi in gioco e di mutare, lasciandomi condurre dal testo, che fino ad allora avevo considerato poco attraente per via della mia ignoranza.
Il Monologo di Alessandro Baricco, Novecento, è stato il brano da me scelto con il quale iniziare la mia profonda mutazione, mutazione che mi ha dato consapevolezza sull’utilizzo della fotografia come metodo per veicolare messaggi.

2

Quale specifico passaggio, testo o brano musicale ti hanno cambiato e ispirato?

Io, che non ero stato capace di scendere da questa nave, PER SALVARMI, sono sceso dalla mia VITA.
I desideri stavano strappandomi l’anima. Potevo viverli ma non ci sono riuscito.
Tutte le donne del mondo le ho incantate suonando una notte intera per una donna, una, la pelle trasparente, le mani senza un gioiello, le gambe sottili…. quando si alzò non fu lei che usci dalla mia vita, furono tutte le donne del mondo.
Il padre che non sarò mai l’ho incantato guardando un bambino morire, per giorni seduto accanto a lui, senza perdere niente di quello spettacolo tremendo bellissimo.
Ho disarmato l’infelicità.
Ho sfilato via la mia vita dai miei desideri

3

In che modo hanno inciso, da lì in poi, nel tuo lavoro di fotografo?

Tutto serve, le nostre immagini sono frutto di un frullato di emozioni, di tecnica, di ciò che viviamo, delle immagini che studiamo, dei libri che leggiamo delle persone che incontriamo della famiglia in cui viviamo. Sicuramante il lavoro di mutazione che ho svolto sulla persona mi ha indirizzato su una fotografia più consapevole, ho ridotto drasticamente il numero di file (ero uno fotografo compulsivo), ora trovo un messaggio, un progetto, lo studio e solo nel finale utilizzo la mia macchina fotografica per veicolarlo.

5

VALERIO ZANOTTI

Rimini, 17 luglio 1975
Professione: vigile del fuoco
Vive a Rimini con la sua famiglia ed insieme alla sua inseparabile cagnetta LIVE trascorre il suo tempo tra un turno lavorativo e l’altro in giro per la sua città, abilissimo a coglierne gli aspetti più segreti, sia poetici che malinconici dimostrando un amore incondizionato ed assoluto attraverso le sue toccanti immagini.

4

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile