Simone Sapienza. ‘’Charlie surfs on lotus flowers’

 

Charlie_1

A cura di Tina Miglietta

Vietnam, tempi moderni: un Paese con uno dei più alti tassi di sviluppo al mondo, immerso in un perfetto disequilibrio tra il libero mercato ed il rigido governo comunista.
Affascinato da tale contraddizione, il giovane fotografo Simone Sapienza ha portato a termine il suo importante progetto fotografico sulla nuova realtà vietnamita a quarant’anni dalla vittoria contro le truppe americane. ‘’Charlie surfs on lotus flowers’’, edito dalla casa editrice Akina, è il frutto di questo lungo lavoro.
Quella del Vietnam è una grande storia di resistenza, perfino contro se stessi. I vietnamiti hanno sempre combattuto ed un giorno, all’improvviso, si sono ritrovati liberi. Liberi di potersi abbandonare alla leggerezza, alla vita, alla voglia di essere ricchi. Oggi il Vietnam è un paese asiatico giovanissimo con un alto tasso di crescita economica.
Simone stava studiando fotografia documentaria a Newport, nel sud del Galles, quando rimase particolarmente incuriosito dal tema della guerra del Vietnam, una realtà che non aveva mai studiato prima e che aveva sempre immaginato in maniera molto hollywoodiana, legata ai film americani.

Charlie_2


Simone racconta così la sua esperienza: ‘’Volevo rappresentare questa nuova onda del Vietnam con un immaginario diverso da quello consueto: foto da viaggio, da cartolina, che potessero mostrare la bellezza del posto e rappresentare i desideri, la pace, il benessere degli abitanti. E così sono partito per il primo dei viaggi che poi si sono susseguiti nei tre anni successivi’’.

L’idea del libro nasce nel 2016 durante la Portfolio Rewieu a Roma, dall’incontro del fotografo con Alex e Valentina, fondatori di Akina books.
Solo una pubblicazione con un numero ampio di immagini poteva spiegare, con un linguaggio adeguato, la trasformazione avvenuta in Vietnam.
Simone è un fotografo molto giovane ed il suo approccio a questo progetto è stato molto diverso da quello della classica fotografia di reportage: ironia, uso prevalente dell’inquadratura verticale, flash spesso usato anche sulla luce diretta solare per dare l’idea di uno spettacolo che non finisce mai, linguaggio poco didascalico, sfondi puliti, poco disturbo nelle immagini, sono gli elementi che caratterizzano le fotografie di questo progetto.

Charlie_3

Dalle immagini traspare l’ottimismo del Paese, il guardare avanti di questo popolo che vive in un limbo tra capitalismo e comunismo dove non c’è più spazio neanche per l’astio contro gli Stati Uniti. Traspare un popolo giovane, libero di potersi ispirare all’Occidente, libero perfino rispetto alla propria identità.

Le immagini sono state scattate seguendo come unico confine quello della guerra, all’interno del quale il campo di azione era molto ampio. La maggior parte di esse sono ambientate nella vecchia capitale di Saigon, altre ad Hanoi, altre ancora ai confini tra il vecchio Vietnam del Nord e quello del Sud durante passeggiate, spettacoli di strada e perfino nel backstage della fashion week in collaborazione con Vogue Italia. Ne è nato un connubio tra immagini con soggetti anche vintage e quelle che raffigurano la modernità del rapido progresso di questo Paese. Ambiguità tra passato e futuro senza alcuna presunzione di voler raccontare con obiettività il nuovo Vietnam: è presente solo la soggettività dell’interpretazione, quella di chi si impone col proprio sguardo.
E’ stato molto importante anche l’approccio con la popolazione locale e la sua reazione rispetto al progetto, per quel sano timore del nostro autore di aver voluto dire troppo o di aver potuto travisare la storia passata.
La selezione delle 87 immagini che compongono il libro è durata circa un anno ed è interessante sottolineare come tutte quelle a sfondo rosso sono ritratti fatti quasi per gioco e che invece sono stati scelti proprio per far da cornice a tutta la storia.

Charlie_4

‘’Charlie surfs on lotus flowers’’ ha partecipato nel 2017 al JapurPhoto Festival in India ed è acquistabile on line sul sito della casa editrice al seguente link:www.akinabooks.com.

Notizie dettagliate sull’autore, invece, si possono trovare sul suo sito personale www.simonesapienza.com

Tutto ciò è stato il tema della trasmissione radiofonica Parole di Luce, andata in onda il 6 febbraio scorso , condotta da Sandro Bini, Martin Rance e a cura di Novaradio e Deaphoto

Simone Sapienza (1990) è un fotografo documentarista, recentemente diplomato in Documentary Photography (First Class with Hons) presso l’Università del South Wales – Newport .
Ha ricevuto numerosi premi internazionali conferiti dal British Journal of Photography, dal PDN, dal Museo fotografico dell’umanitàed altri. Le sue foto sono state pubblicate su diverse riviste come il British Journal of Photography, Io Donna, Nuova Repubblica, PDN, La Stampa, Al Jazeera, R2,La Repubblica ed altri. Le fotografie di Simone sono state espostein tutto il mondo in festival, spettacoli, proiezioni, come JaipurPhoto, Fotoleggendo, BJP BreakJrough, Bitume Photofest, Pingyao Festival, Thessaloniki Photobiennale e molti altri. Dal 2015 è co-fondatore e condirettore di Gazebook – Sicily Photobook Festival . Simone vive a Palermo , dove è uno dei cinque membri di Minimum .

Tina Miglietta nasce nel 1966 a Livorno . Ha vissuto in diverse parti d’Italia ed è tornata da poco nella sua città natale . E’ appassionata di fotografia come specchio per le emozioni intime e nascoste e come arte per dare ad esse nuovi colori e forme. Ricerca la naturalezza delle tinte che possano rasserenare e mettere a tacere i rumori della mente

Charlie_5

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile