GOLA. CASUAL EATERS

Ph Ale Di Gangi.

Il cibo e i momenti che gli dedichiamo rappresentano la massima espressione dell’unione umana; a partire dal nucleo familiare il pasto è un tradizionale collante dalla funzione sociale che talvolta ci vede non troppo consapevoli. Non sono molti i casi in cui ci piace mangiare un pasto da soli: raramente si apprezza il cibo se non quando consumato in compagnia, specialmente per noi italiani.
Ho avuto occasione di riflettere in un periodo in cui ho perso uno dopo l’altro gli abituali compagni di pasto – colleghi perlopiù, ma anche amici – ritrovandomi infine a pranzare da solo.
Ho dovuto riempire pause sociali trasformandole in momenti di osservazione del rituale dei vicini di tavolo di turno: sconosciuti da me improvvisati miei compagni temporanei di ritualità; amici che ho coinvolto, altri colleghi con cui si sono poi anche creati nuovi legami di condivisione del necessario rituale che è la necessità del cibo.
Non ho mai fotografato il cibo se non come comprimario dell’atto della sua consumazione, così come le persone che appaiono in questi scatti: mai nella loro interezza o riconoscibilità. Rivedendo le foto nel loro insieme, mi è sembrato di ricreare alcuni momenti del film “La grande abbuffata” (Marco Ferreri, 1973); pur non avendo nulla da condividere con i personaggi e le disperazioni del film… per fortuna.

Autore ALE DI GANGI

Nasco e vivo a Firenze in una famiglia dove l’arte è sempre stata sottovalutata anche se respirata quotidianamente grazie a molti parenti da entrambe i rami che la praticavano come musicisti, pittori e vetrai di fama, architetti, poeti ecc. La mia prima performance/mostra multimediale si è tenuta nel 1986 presso lo storico centro d’arte Pat-Pat Recorder di Firenze, è stata videoregistrata per gli archivi del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato. Negli anni ho frequentato molti tipi di espressione artistica (musica, scrittura, fotografia, multimedialità e via dicendo…), ho partecipato e tenuto mostre e pubblicato in varie occasioni, sia in Italia che all’estero. La mostra di foto PolaroidThe *possible* exhibition” è stata ospitata da svariate città tra il 2009 e il 2010.
Nel 2008 ho diretto il cortometraggio-docufiction intitolato “Indagine su cittadini al di sopra ogni sospetto“, selezionato e proiettato in vari festival di cinema italiani e internazionali, tra cui lo “Short Film Corner” del 62° Festival di Cannes (visibile all’indirizzo http://www.vimeo.com/2521700).

http://aledigangi.com

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile