FUORI 04. COLLETTIVA FOTOGRAFICA IN SCENA A ROMA

Introduzione alla mostra “Fuori 4” della Collettiva 06
a cura di Chiara Micol Schiona

“Non c’è quasi mai una seconda possibilità, ma c’è quasi sempre una via d’uscita sul retro”. Così si presenta Carlo Gallerati, promotore di FUORI 4, collettiva del Gruppo 06 nato nel 2006 il cui comun denominatore è l’esistenza di passaggi fotografici nelle formule di costruzione delle opere. Al progetto ogni anno si sono aggiunti fotografi differenti “fuori” dal gruppo 06. Ed ecco che vediamo presentati quest’anno, fino a  lunedì 31 Gennaio 2011, un’opera per ogni autore, in totale diciotto, e in più due video. La mostra collettiva a cura di Valentina Trisolino ci fa osservare sguardi differenti, “l’uscita sul retro” dell’arte contemporanea: la fotografia. Avviene così che le presenze-assenze di Roberto Arleo e la ricerca dell’essenza dell’uomo, della sua figura, si uniscano ai luoghi-non luoghi, declinati in maniera differente, di Paola Casali, Pier Paolo Fassetta e Vincenzo Monticelli Cuggiò; oppure che la ricostruzione di una memoria storica come quella elaborata da Michele Cera si opponga in maniera positiva alla ricerca formale delle elaborazioni di Giulio Conti. La natura che invade di Edoardo Hahn si affianca agli spazi chiusi giustapposti a spazi aperti di Wai Kit Lam come l’intimità privata di Francesca De Rubeis dialoga con quella più composta di Marcello Di Donato. La visione dell’inconscio frammentato è propria della visione di Agostino Cernilli o di Mario Rossi mentre più materico è l’occhio di Alessandro Lanza e Monticelli&Pagone. Orith Youdovich e Savina Tarsitano riflettono, diversamente, sull’infinito. Luogo e stato mentale. Enrica Magnolini e Lino Strangis presentano invece due video: la prima studia la percezione, sia dello spettatore sia del mezzo tecnico, Strangis invece coinvolge appieno lo spettatore, inglobandolo nell’opera video. Anche il catalogo presente in mostra ha un significato particolare. Ebbene, se il colore delle precedenti edizioni sono stati il nero, il ciano e il magenta, quest’anno FUORI 4 sceglie il giallo per chiudere un’ideale scala quadricromatica simbolo di evoluzione e sintesi del gruppo. Vedere per credere.

Chiara Micol Schiona
Nata a Roma nel 1984 mi sono laureata all’università La Sapienza in Storia dell’arte con una tesi in Storia della fotografia su Minor White e la Scuola Californiana. Amante di ogni forma artistica nel senso più ampio del termine, ho scritto e mi sono occupata anche di eventi legati al cinema e al teatro, oltre ad aver curato manifestazioni artistiche nell’ambito dell’arte contemporanea. Ho scelto di occuparmi principalmente di fotografia perchè se le arti, ognuna a suo modo, sono delle ricerche di “ossigeno”, la fotografia credo sia la forma artistica che più riesce a cogliere ciò che all’occhio comune può essere distrattamente sfuggito.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile