FALL. ‘ZERO DARK MOCKBA’

PH Davide Palmisano
Mosca in versione Dark> è la visita guidata attraverso le “art factories” di una città del sogno, e come ogni sogno che si rispetti questa visita va fatta di notte. La notte è un mondo diverso, dolce e ambiguo come un sogno. In quelle ore il paesaggio urbano moscovita in costante e troppo rapida trasformazione, si abbandona all’oblio. Fermandosi si lascia catturare, nel suo gelo e nella sua penombra obliqua, regalando un’insolita registrazione istantanea di un processo di cambiamento tumultuoso. Fortunatamente persistono ancora tracce seminascoste, nella memoria, nei quartieri e nelle funzioni originarie dei muti fabbricati. Cosa c’era prima è stato distrutto. Ciò che lo sostituisce ha la sua bellezza: il tessuto urbano assume la visione del paesaggio postindustriale, il tempo si ferma. Al mistero apparente e al senso di abbandono subentra il ritmo pulsante proprio di luoghi già diventati qualcos’altro, in una storia urbana in cui tutto cambia. A noi rimane d’ammirare la cuspide della trasformazione nell’istante fermato dall’immagine, fermi e infreddoliti, ma così presenti “nei luoghi”; per non farli svanire per sempre.

001


AUTORE Davide Palmisano
Nato a Catania nel 1973. Vive e lavora a Trento dal 1997. Fin da giovane dimostra una spiccata passione per la fotografia, di cui solo in anni recenti scopre le reali possibilità espressive e narrative. Consapevolezza che lo porterà a concentrare la sua attenzione e i suoi sforzi su progetti tematici e monografici. La fotografia è per lui un sensibile strumento di rappresentazione della realtà o frammenti di essa che utilizza cercando di tradurne la propria percezione e interpretazione con essenzialità. Un mezzo attraverso il quale stimolare l’osservatore e richiamarlo alla dimensione emotiva. Nella sua pratica espressiva predilige la ricerca della suggestione e la rappresentazione di stati d’animo. Traduzione di ciò che lui stesso prova quando osserva una situazione; attraverso immagini perciò concepite come una sorta di “paesaggio interiore”.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile