DEPOSIZIONE: UNA MOSTRA DI ADI NES

Introduzione alla mostra “Deposizione” di Adi Nes
a cura di Diego Ciocionesi
 

 

Adi Nes nasce nel 1966 a Kiryat Gat, in Israele. Oggi vive e lavora a Tel Aviv. Le sue fotografie sono state esposte nelle principali gallerie internazionali e la sua attività gli è valsa molti riconoscimenti di prestigio, tra cui il Premio del Ministero dell’Educazione, Cultura e Sport d’Israele e “The Nathan Gottesdiener Foundation Israeli Art Prize”. L’opera fotografica di Nes è una chiara espressione del genere fiction. Le immagini, apparentemente semplici, sono costruite con essenzialità e meticolosa attenzione ai dettagli  secondo una regia predefinita, in set di ambientazione interna ed esterna. Sono evidenti i riferimenti all’iconografia gay, i richiami a immagini bibliche e mitologiche, espressi con schemi e forme che riconducono chiaramente all’arte classica e al barocco. I soggetti sono persone qualunque, messe in scena con l’intento di rappresentare, in una rielaborazione critica e dolorosamente concreta, l’identità e l’esistenza della società israeliana contemporanea. L’autore si concentra su aspetti che accomunano diverse popolazioni, la realtà di Israele diventa così per lui emblema di una sofferenza universale: la tragedia quotidiana della solitudine, della guerra, della povertà, del dolore della condizione umana. “DEPOSIZIONE” è il titolo della mostra che dopo aver fatto tappa a Roma all’ Istituto Nazionale per la Grafica è ora a Firenze al Museo Nazionale Alinari della Fotografia, dal 13 Gennaio al 6 Marzo 2011. L’esposizione presenta una raccolta di fotografie in grande formato tratte dai lavori più famosi dell’artista: “Soldiers” (1994-2000), “Boys” (2000), “Biblical Stories” (2003-2006) ed è completata da un video che mostra il backstage e il modus operandi di Nes. 

Diego Cicionesi
Appassionato di fotografia ho iniziato molti anni fa con una camera analogica. Dopo oltre un decennio di black-out, ho ripreso a lavorare in digitale da circa 3 anni. Studio i paesaggi urbani, con una predilezione per l’ambientazione portuale e la foto di strada. Mi piacciono le composizioni geometriche, il dinamismo e le rappresentazioni di spazi ampi. Ho recentemente iniziato – dopo alcune esperienze di corso – la mia collaborazione con Deaphoto, come assistente ai corsi di fotografia di base.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile