CONFINI12 – RASSEGNA ITALIANA DI FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA

Introduzione alla mostra itinerante CONFINI12.
Roma
6 – 15 novembre 2014 MassenzioArte
Milano
10/12 2014 – 16/01 2015 Polifemo Fotografia
Genova
5-21 febbraio 2015 VisionQuest
Trieste
15/04 – 22/05  2015 Sala Fenice
Cosenza  12 – 27  giugno 2015   L’Impronta

Catania/Caltagirone  4 – 18 luglio 2015   Galleria “LUIGI GHIRRI”
Venezia-Mestre
17/09 – 11/10 2015 CivicoCinque
Pistoia   ottobre 2015   PhotoGallery e MassenzioArte

Recensione a cura di Maurizio Chelucci.

Da dodici anni Confini, con passione, volontà, fatica e piacere, seleziona ogni anno progetti di fotografia contemporanea e li propone in tutta Italia. Un network nazionale di associazioni e curatori, che non ha precedenti nel panorama italiano, ci ha permesso di formare una giuria qualificata e di utilizzare spazi espositivi riconosciuti per l’impegno che dedicano costantemente alla fotografia. Siamo partiti nel 2003 con una sola location per arrivare oggi a un team di gallerie che per un anno intero ospiteranno le immagini selezionate, dal nord al sud Italia, in una mostra itinerante. Attraverso un bando pubblico sul portale photographers.it selezioniamo artisti che nel loro percorso creativo utilizzano il linguaggio fotografico per indagare i confini, appunto, tra la fotografia e le altre forme di espressione artistica. Le scelte dei curatori si sono indirizzate in questi anni verso autori che – pur sfruttando tali contaminazioni – provengono da una formazione fotografica, ne privilegiano il linguaggio e riflettono sul mezzo. Una fotografia che non documenta e spesso non rappresenta il reale, ma riflette una dimensione personale e intima attraverso progetti composti da un numero consistente di immagini fisse bidimensionali. Abbiamo infatti la certezza che la fotografa sia un mezzo espressivo a sé stante e non uno dei tanti strumenti a disposizione degli artisti. Lo sforzo continuo di tutti i curatori delle associazioni promotrici di Confini ha consentito a questa rassegna un miglioramento progressivo, dimostrato sia dalla quantità dei progetti fotografici presentati per la selezione, sia dalla loro elevata qualità. Confini è la prova che la fotografia italiana è in continua evoluzione e che il suo livello ormai ha raggiunto standard internazionali, nonostante la storica arretratezza culturale del paese con la conseguente carenza di spazi, strutture e punti di riferimento. A tutto ciò ha cercato di porre rimedio l’iniziativa privata del nostro network nazionale di associazioni, che alle pretese ha preferito la concreta qualità, attraverso un lavoro accurato di scouting. Oggi Confini conta location e partner di grande rilievo nel panorama della fotografia italiana: Clelia Belgrado (VisionQuesT), Leo Brogioni (Polifemo Fotografica), Fulvio Bortolozzo (Camera Doppia), Maurizio Chelucci (MassenzioArte), Fulvio Merlak (Sala Fenice), Francesco Tei (PhotoGallery), Fausto Raschiatore (CivicoCinque), Angelo Cucchetto (Photographers.it), Antonio Armentano (L’Impronta), Pippo Pappalardo (Galleria Luigi Ghirri). Partner che compongono anche la giuria che dopo un’attenta e difficile selezione ha scelto, per la rassegna 2014-2015, ben 5 autori fra i partecipanti al bando pubblico promosso da Photographers.it e due fra quelli indicati dai curatori. Questi i selezionati presenti in mostra e i rispettivi lavori: Oriana Capriotti – Medusa, Laurence Chellali – L’idealista contrariato, Diego Mazzei – Dismorfie digitali ovvero Copernico on the beach, Massimo Napoli – San Andreas, Guido Pratellesi – Urbanesimo, Marco Rigamonti – Bassa stagione, Francesco Romoli – Artificial Intelligence. L’elenco di tutti gli autori selezionati è visibile al link: http://www.photographers.it/bandichiusi.php?id=37

Maurizio Chelucci
Si occupa con continuità di fotografia dal 1980. Oltre la personale produzione fotografica, nel corso degli anni ha pubblicato un manuale di fotografia, è stato docente presso l’Ass. Culturale Controchiave per dedicarsi successivamente alla critica e produzione di eventi artistici e mostre di fotografia. Fondatore del festival della fotografia Fotoleggendo, di cui è stato direttore artistico, dal 1994 è responsabile per la fotografia degli spazi MassenzioArte; ha creato e dirige tuttora la rassegna di fotografia contemporanea Confini, arrivata alla 12° edizione con mostre a Roma, Firenze, Cosenza., Genova, Trieste, Milano, Catania. Ha curato mostre per il festival della fotografia di Roma ed ha fatto parte di giurie di alcuni dei maggiori festival italiani (Fotoleggendo, SavignanoImmagini, Solighettofotografia, Martlive, Lens Based Art Show, etc. ). E’ stato per oltre due anni caporedattore della redazione fotografia di Exibart e coordinatore editoriale del magazine CultFrame. Dal 2008 cura  iniziative fotografiche per il  festival del peperoncino di Diamante.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile