Con i tuoi occhi

 

La Fotografia dei Sensi

Intervista di Giorgio Nuzzo a Valeria Potì ideatrice del progetto fotografico “Con i tuoi occhi”. Un viaggio alla scoperta della fotografia realizzata con la mente.

L’idea

“Officine della Fotografia” di cui sono ideatrice, ha lo scopo di realizzare progetti fotografici innovativi. Da qui nasce l’esposizione “Con i tuoi occhi” che ha l’aspirazione di realizzare qualcosa che agli occhi della gente possa sembrare impossibile. La ricerca dell’immagine perfetta ci distoglie da quello che in realtà è la fotografia, cioè emozioni, per questo ho voluto che fossero gli stessi non vedenti a scattare le foto, in modo che sia la mente a scattare e non solo gli occhi coinvolgendo, quindi, tutti e cinque i sensi.

Lo svolgimento

In collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi (sezione di Lecce) sono stati scelti 6 non vedenti in base al loro interesse e sensibilità nei confronti del progetto. Per la scelta dei 6 fotografi, compagni di viaggio dei non vedenti, è stata lanciata una Open Call. Fotografi e non vedenti sono stati accoppiati cercando di abbinare quelle che potevano essere le sensibilità e per la sessione di scatto hanno avuto un mese di tempo.

La mostra

La mostra “Con i tuoi occhi” è stata ospitata presso la Galleria Francesco Foresta a Lecce dal 3 all’11 Dicembre. L’esposizione è composta da 36 foto accompagnate da un testo scritto da ogni coppia e leggibile in Braille.

Eventi collaterali

I Cantieri teatrali Koreja di Lecce hanno collaborato al progetto fornendo la voce dei propri attori, per la realizzazione di audio narrazione dei testi scritti dagli autori, che ha accompagnato l’esposizione per tutta la sua durata.

Il regista salentino Giuseppe Pezzulla ha realizzato una stupenda video-intervista ai 12 autori degli scatti ai quali è stato chiesto cosa fosse per loro la luce. Differenti ed emozionanti sono state le risposte dei protagonisti; di seguito sono riportate le frasi più significative.

Cosimo Villani: in fotografia la luce è tutto ma con Massimo ho voluto vedere la sua di luce e nell’ultima uscita ho deciso di bendarmi e di farmi guidare da lui.

Mariantonietta Luongo: è il mezzo che utilizzo abitualmente per vedere e non vedere le cose.

Adriano Nicoletti: la luce è una grande compagna.

Veronica Garra: è lo sfondo di tutta la mia vita.

Laura Greco: la luce è vita, sia nel disegnare gli oggetti, sia nel creare le ombre.

Federico Patrocinio: la luce è un alleata, compito del fotografo è raccogliere quello che la luce disegna.

Massimo Cervelli: la luce è quello che riesco a percepire.

Daniele Marchello: la luce per me rimane un concetto molto astratto ma la posso identificare nel chiaro e nel calore.

Gigi Mangia: per me è una grande tristezza, è un’emozione persa perché ho avuto modo di apprezzarla e sostanzialmente è la chiave della vita.

Annamaria Potì: la luce si sente con il corpo dunque la percepisco come sentimento.

Salvatore Peluso: è sempre nei miei ricordi.

Tony Donno: l’avverto mentalmente.

In un libro sono raccolte le 36 fotografie, una valutazione finale di tutto il progetto a cura di Benedetta Donato (curatrice indipendente), Giuseppe Biancofiore (fotografo e vicepresidente “Afip International”) e Leonello Bertolucci (fotografo e fotoeditor) e sei racconti scritti direttamente dalle coppie.

Progetti futuri

Vi è l’idea di portare il progetto in una mostra-presentazione a Milano in modo da far assumere a “Con i tuoi occhi” una valenza nazionale e sensibilizzare quanta più gente possibile sul tema dell’arte accessibile ai non vedenti e sull’idea dello scatto realizzato con tutti e cinque i sensi.

Mi permetto di concludere con una frase di Gigi Mangia: “La fotografia rimane una immaginazione sofferta e salata, è un buco infinito!”.

Giorgio Nuzzo

Salentino di nascita, classe ’89, laureato in Scienze Motorie all’Università di Urbino, attualmente vivo fra Lecce e Venezia. Nel 2012 inizio ad avvicinarmi alla fotografia attratto da un mondo totalmente sconosciuto sino ad allora. La passione crescente per l’arte fotografica mi porta a frequentare la “Scuola di Fotografia di Lecce” appassionandomi in particolar modo alla Street Photography, cercando di cogliere nei volti della gente le varie emozioni e i differenti modi di vivere, preferendo una fotografia maggiormente incentrata sulla comunicazione e sul significato che può trasmettere uno scatto. Parallelamente continuo a coltivare la passione per la fotografia di concerti partecipando a vari eventi musicali e collaborando con diversi magazine del settore. Attualmente sono impegnato nella realizzazione di diversi progetti fotografici a tema culturale e sociale. Nonostante le conoscenze della tecnologia fotografica e della post produzione, prediligo un approccio il più possibile realistico e puro dello scatto.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile