ABITO. RESILIO

PH Claudia Gori

Questo lavoro fotografico nasce dall’esigenza di raccontare un percorso, quello del riconoscimento di se stessi. Vuole esplorare e lasciarsi guidare su quella strada che esplora le pieghe riposte della propria natura umana: è una scelta consapevole.
Ascoltare gli impulsi che mettiamo quotidianamente a tacere e assecondarli significa smascherare la psiche che ci protegge dagli inganni, ci preserva da uno stato di sospensione comoda, che ci culla fino al sonno vigile.
La psiche è plastica e, come tale, può trasformarsi. Alimentare il dubbio ci fa procedere a singhiozzi e ci allontana dal tentativo di infrangere le zavorre che ci tengono ancorati al mondo regolare. Dimenarsi dai grovigli che abbiamo pedissequamente tessuto nell’età della ragione, quella in cui dovremmo darci una forma e invece una forma non ce l’abbiamo, ci rende liberi di cercare il posto che ci corrisponde, almeno in parte. Quello è il nostro posto, il posto della verità, dove esporre le fragilità, essere centrati, fermi, liberi.
E adesso che ti sei trovato, quanto sei disposto a farti riconoscere? Adesso è il tempo più faticoso da abitare. Nel momento in cui ci mettiamo realmente al centro inizia un’altra strada, la più faticosa: la pianura. Non è una rinascita, è semplicemente la presa di coscienza che si ha la capacità di saltare, prendendo un’altra direzione.
E’ il posto della resilienza, non della resistenza.

AUTORE Claudia Gori

Nasce nel 1986 a Prato. Si trasferisce a Roma per studiare giornalismo a La Sapienza. Capisce presto di voler raccontare con le immagini, più che con le parole e decide di affiancare al lavoro lo studio della fotografia presso il Centro Sperimentale di Fotografia Adams. Inizia a fotografare la sua casa e la sua famiglia, per poi uscire fuori e affrontare temi di rilevanza sociale con uno sguardo sempre teso agli aspetti psicologici ed emotivi delle persone. Adesso è tornata in Toscana dove svolge come free lance la professione di fotografa e porta parallelamente avanti progetti fotografici a breve e lungo termine.

 

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile