Animali

Introduzione alle immagini
di Paolo Contaldo

“Diorama: vetrina nella quale elementi appartenenti al regno vegetale o al regno animale sono presentati in una ricostruzione dell’ambiente naturale”. In “fake” Andrea Buzzichelli ci parla di questa finzione ma anche del suo fascino irresistibile. Fotografare il “non vero”, lo scenario e perdersi nello stupore che genera. Si torna bambini, si diventa esploratori.

“Da quel momento smisi di camminare ed entrai in uno stato profondo di meditazione e di arabesco mentale…” Bellissima notte, magica e surreale quella in cui ci conduce Duccio Ricciardelli. Siamo il gatto che guarda il gatto.

Nella stereofotografia si cerca di realizzare un’ immagine che renda un effetto tridimensionale. Il doppio fotografico di Gabriella Martino ci regala profondità. Un’immersione sincera nella “Animalia”, luogo dove uomo e animali vivono prossimi e molto lontani.

Mauro Raponi ci porta allo zoo. Ci fa sentire la durezza e l’A(NO)NIMALIA di questo luogo. Lo sguardo degli animali ci è negato, come a pareggiare il conto. Ottima occasione di riflessione sulla distanza sempre crescente tra uomo e natura.

Leonardo Taddei segue quasi il discorso introdotto da Mauro Raponi. ANIMALS LOOKBOOK è un diario di questa sconfitta, di questa distanza. Animale e natura si trasformano in mero oggetto, delitto che si ripropone spesso in rappresentazioni kitsch e desolanti.

La matita completa, popola e allarga. Quella di Roberta Baldaro in “Sottobosco” è una di quelle storie a confine tra reale e immaginato, tra fotografia e fiaba..

L’umanità e l’animalità si inseguono e fondono nel lavoro di Valeria Pierini. Stati interiori che danzano incubi, sentimenti, emozioni e poi bambole figlie del mosso e inquieto.

 

Elenco servizi