GREEN.THERE IS SOMETHING TO EAT


PH Enrico Doria

“There is something to eat” e’ un progetto fotografico nato dalla collaborazione tra il centro di ricerca presso cui lavoro in Sudafrica (il CSL, Centre of Sustainable Livelihood, della Vaal University of Technology) e alcune comunita’ rurali locali. La collaborazione e l’attivita’ della mia ricerca e’ finalizzata alla bio-fortificazione e al miglioramento nutrizionale di alcuni tipi di coltivazioni (mais, fagiolo, soia) per le le suddette comunita’ che soffrono di carenze alimentari anche importanti. Cosi’ seguendo l’introduzione di queste colture nelle abituali pratiche agricole di alcune popolazioni di alcune townships e aree rurali, ho raccolto alcune immagini che ritraggono il rapporto tra l’individuo e  il suo campo, spesso molto povero ed essenziale; si tratta di una serie di ritratti, in cui il protagonista  puo’ sembrare la donna o l’uomo ma forse e’ soprattutto la sua terra con i suoi prodotti, troppo spesso, per questa gente, poveri e inadeguati.

AUTORE Enrico Doria

Enrico Doria è nato a Palermo nel 1978. Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Genetica e Scienze Biomolecolari presso l’Università di Pavia. Appassionato di fotografia sin da bambino quando ha cominciato a scattare con una Canon AT1 del padre, il suo percorso fotografico è cominciato dal 2003; innamoratosi di una Holga, regalatagli un giorno di ottobre, ha cominciato a realizzare alcuni progetti in pellicola a medio formato che l’hanno poi portato, nel corso degli anni, a esporre in diverse città italiane e straniere, tra cui Torino, Pavia, Arles, Barcellona, Berlino. Nel 2012 è stato selezionato per esporre il progetto “Esprìts” nel circuito OFF del Festival della Fotografia a Savignano (SI Fest Off 2012.) Nel 2014 ha ricevuto la Menzione d’Onore al Moscow Photo Awards (MIFA 2014.) Finalista al Photolux Leica Awards nel 2014. Alcuni suoi reportage e lavori fotografici sono stati pubblicati su riviste quali Witness Journal, “Positive+Magazine”, “Potpourri”, EV Magazine, SenzaRespiro Magazine, Shots, F-Stop Magazine, Il Fotografo, About Photography e su La Stampa on line.

 

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile