FOOD. L’ANATOMIA DELLA COP[P]IA

PH Maria Chiara Bonora
E’ una ricerca visiva di analogie tra il tradizionale pane di Ferrara, la copia, e l’incontro sessuale di una coppia amante, in un rimando a carattere più ampio tra Alimentazione e Riproduzione, necessità primarie per la Sopravvivenza. L’osservazione ravvicinata del pane mette in luce gli elementi di somiglianza con l’anatomia umana, quali la pelle del corpo, per colore e superficie, le rotondità, le torsioni e le tensioni. Le origini del pane intortigliato sono antiche: fin dal 1287 negli Statuti di Ferrara si legge che i fornai erano obbligati a lavorare pani “che abbiano orletti e che non si abbassino quando si cuociono”. La sua forma attuale è il risultato di secoli di perfezionamento in eleganza e della combinazione di diversi fattori, tra cui la necessità della lunga conservazione e la volontà celebrativa del fasto Rinascimentale della corte Estense. La somiglianza della copia alle nudità del corpo era già stata rilevata in passato con preoccupazioni diverse per la moralità.

001

AUTORE Maria Chiara Bonora
Maria Chiara Bonora è nata a Ferrara nel 1980.
Laureata in Architettura, esercita la professione di architetto e collabora come fotografa con alcune realtà del territorio dove abita. Ha esposto alcuni dei suoi progetti a Ferrara, Modena, Varese e Milano in mostre sia collettive sia personali. E’ co-fondatrice di Riaperture, associazione culturale che organizza il Riaperture Photofestival Ferrara.

Versione PDF dell'ultimo numero sfogliabile e scaricabile